Generazioni Connesse: rilevazione casi di cyberbullismo

Se hai il dubbio che un ragazzo/a possa essere preso di mira da cyber-bulli , ti invitiamo a riflettere sulle seguenti domande/stimolo.

  1. Mostra segnali di tensione o nervosismo quando ricevono messaggi sullo smartphone?
  2. Nasconde lo smartphone in tua presenza o ti sembra timoroso o preoccupato di farsi vedere connesso?
  3. Ti sembra timoroso o preoccupato di accedere ai propri contenuti online (come ad esempio la casella mail o profili sui social) in tua presenza?
  4. Presenta comportamenti / abitudini che causano irritazione in compagni e adulti (ad esempio, viene isolato online dai compagni)?
  5. Non è inserito o è stato escluso dai gruppi dei servizi di messaggistica istantanea (Whatsapp, telegram, viber, etc.) o social della classe?

Se hai il dubbio che un ragazzo/a possa essere preso di mira da bulli, ti invitiamo a riflettere sulle seguenti domande/stimolo.

  1. Passa molto tempo da solo (per esempio durante gli intervalli o le ore di Educazione Fisica), viene sistematicamente escluso dal gruppo-classe (non ha amici nel gruppo classe, viene scelto per ultimo nei lavori di gruppo) o ricerca la vicinanza degli adulti anche nei momenti di intervallo preferendo parlare con un insegnante o un operatore scolastico o stare solo piuttosto che nel gruppo dei pari?
  2. È diventato più insicuro e spaventato quando parla in classe davanti ai compagni? Hai notato o sai che questo stesso comportamento non l’ha in altri contesti o quando devono parlare a degli adulti? Non era mai accaduto prima?
  3. È un ragazzo/a che hai sempre reputato bravo e che invece da qualche tempo a questa parte ha avuto un calo nel rendimento scolastico per il quale non riesci a comprenderne le cause? o che subisce ripetutamente il furto, il danneggiamento e la dispersione di oggetti o beni materiali (libri, merenda, denaro…) ?
  4. Nell’ultimo periodo mostra cambiamenti nei comportamenti, in particolare si è chiuso in se stesso, parla meno con i compagni di classe e sembra in costante stato di allerta e paura? o reagisce in modo impulsivo o aggressivo a quelle che a tuo avviso sono battute o scherzi tra compagni?
  5. Nell’ultimo periodo ha fatto assenze frequenti senza che i colloqui con i genitori ti abbiano aiutato a scoprirne le cause?

Se pensi che qualche alunno/a possa essere bullo o cyber-bullo, ti invitiamo a riflettere sulle seguenti domande/stimolo:

  1. Ha la tendenza a prendere in giro sempre le stesse persone, anche attraverso post online o foto o messaggi vocali di cui altri alunni si lamentano?
  2. Ha una tendenza costante ad avere comportamenti prevaricatori o di comando nei riguardi dei compagni? o nei social o nel gruppo whatsapp della classe “governa” le conversazioni?
  3. Fatica ad essere empatico nei confronti di qualche compagno che ha subito il furto di un oggetto in classe? O mostra disattenzione rispetto agli stati emotivi di chi è in difficoltà? O fatica a smettere di prendere in giro un compagno a motivo di qualcosa visto sul suo profilo online?

Se le osservazioni ti hanno portato a confermare il tuo dubbio, consulta la pagina “Cosa posso fare?” per docenti e per genitori

Scarica la pagina in formato pdf

I cookie ci aiutano a migliorare il sito. Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network. Cliccando su Accetto, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento si acconsente all'uso dei cookie. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Chiudi